italia-campione-del-mondo

Il modello lavorativo a cui ci stiamo ormai abituando lascia sempre meno spazio agli incontri in ufficio. Le nuove tecnologie – internet, web conference, social network e così via, stanno diventando i cardini di rapporti lavorativi (e non solo) sempre più virtuali.

Se da un lato questo ha semplificato alcuni aspetti della vita professionale, dall’altro complica la gestione del lavoro e la creazione di squadre di lavoro affiatate, con il rischio che gli individui si allontanino dalla realtà aziendale e dal team di lavoro, perdendo di vista gli obiettivi aziendali.

Per evitare questa situazione è fondamentale investire nel team building per fidelizzare, stimolare, incentivare le proprie risorse.

Costruire un team, trasformare un gruppo in una squadra coesa e performante richiede attenzione ed investimenti, soprattutto in termini di tempo.

Spesso si sottovaluta l’importanza di avere dei collaboratori motivati e realmente partecipi delle sorti aziendali. Ad attribuire minor peso a questi aspetti sono le piccole realtà produttive, ancora oggi spesso a conduzione familiare. Bisognerebbe avviare un cambio di mentalità in ambito di gestione delle risorse umane: perché il team building non giova solo alle grandi realtà, permette anche alle piccole e medie imprese di migliorare le proprie prestazioni.

Il consiglio è, quindi, in un momento come quello attuale, in cui molti lavoratori sentono a rischio le proprie certezze, di lavorare per mantenere saldo il gruppo e conservare un clima disteso che aiuta tutti a produrre meglio.

Proprio in questi giorni si sta svolgendo a Palermo il corso di Team Building, sviluppato appositamente per venire incontro alle necessità delle realtà imprenditoriali, grandi e piccole, che hanno capito quanto sia fondamentale creare una squadra affiatata all’interno della propria azienda.

Quindi non perdete tempo e affrettatevi a prenotarvi per il corso che si terrà a Catania dal 28 febbraio al 2 marzo. Per tutte le informazioni potete cliccare qui.